domenica 26 aprile 2009

Uscite cinemiche - 24 aprile

Venerdì sono usciti un po' di film interessanti. Evviva evviva. Tra l'altro, per fortuna stanno facendo cartoons al ritmo quasi di uno a settimana (Mostri e Alieni è uscito da 2 settimane), visto il mercato, e non ci resta che gioirne, finché la qualità è alta! Per il resto Kazakhistan (ma nella prod ci sta pure Polonia, Svizzera, Russia, Germania...), Spagna, Italia e l'ex di Madonna. Non c'è che dire...

Earth - La nostra terra
di Mark Linfield e Alastair Fothergill
Un documentario della Disney, Paolo Bonolis voce narrante, che ci illustra il ciclo di vita di tre specie animali. E' uscito il 22, nella giornata della terra e, come sempre, si spera che sensibilizzi un po' di gente al rispetto del pianeta che vive.

Tulpan
di Segey Dvortsevoy, con Askhat Kuchinchirekov, Samal Yeslyamova
Asa, in età da matrimonio, viene rifiutato da Tulpan, l'unica ragazza disponibile della zona, a causa delle sue orecche. Un altro film girato nella steppa e questo ha vinto pure il premio Un Certain Reguard a Cannes! Film semplici quelli fatti dalla gente di questi luoghi remoti, in cui si cammina per chilometri in mezzo al nulla. E allora per forza si bada alla sostanza... le orecchie!!!

Le avventure del topino Despereaux
di Robert Stevenhagen e Sam Fell Animazione
La prima cosa che noto è che Sam Fell ha già diretto il film d'animazione Giu per il tubo e i protagonisti anche lì chi erano? Topi!!! Sarà un'ossessione? Comunque ancora una volta c'è il topino coraggioso, il topino temerario, quello che lotta per i desideri o per salvare qualcuno. Sarà mica che sti topi sono veramente degli esserini da cui prendere qualche spunto, noi umani, così pavidi??? No, perché penso a Remy, il piccolo cuoco di Ratatouille o ai topini ingegnosi di Cenerentola, fino ai più celebri ed emblematici Topolino, intelligentissimo investigatore e Jerry che, con astuzia da vendere ne combina a Tom di cotte e di crude. Ancora topi, perciò, anche con Despereaux.

Fuori menù
di Nacho G. Velilla, con Javier Cámara, Lola Dueñas
Qui Benigno di Parla con lei (quello di Almodovar), passa da un drammone a una commedia esilarante (dicono!). Gli attori sono sempre gli stessi bravi interpreti dei tanti film che giungono a noi. Mi chiedevo quale fosse il titolo originale, perché trovavo questo Fuori menu un po' cacofonico, ma in effetti sembra che anche l'originale sia il medesimo: Fuera de carta. Tocca vederlo credo. Pronti??

Generazione mille euro
di Massimo Venier , con Alessandro Tiberi, Valentina Lodovini, Carolina Crescentini
Il regista è quello dei primi film di Aldo Giovanni e Giacomo. Gli attori... Tiberi l'ho conosciuto in Boris (la serie ita su Sky), mmhh, la Lodovini è quella di La giusta distanza, ma non avendolo visto bene, non so esprimermi ancora su di lei. Per ora fa parte di quella schiera di attori e attrici italiche che sono troppo uguali a loro stessi quando recitano e, per questo, non attori!
La Crescentini... mumble mumble. Laura Chiatti va avanti e lei no. Perché? Questa cosa mi sfugge. La trovo bravina, più della Chiatti (ci vuol poco!) eppure colleziona filmetti. Perché non si mette in gioco con un ruolo importante? Non che i ruoli nelle commedie non valgano, ma sempre per misurare la versatilità. Per il resto, stiamo a vedere...

Rocknrolla
di Guy Ritchie , con Gerard Butler, Tom Wilkinson, Thandie Newton
Film dell'ex signor Madonna, che prima di diventarlo incuriosiva di più, poi ha perso qualche colpo. Ai tempi di Lock & stock e Snatch (dove Brad Pitt ha recitato splendidamentee il ruolo di uno zingaro!) prometteva bene: i filmetti indipendenti di un tizio che metteva insieme storie ricche di trovate simpatiche ed intelligenti. Poi, sposata la regina dello star system, ha dimenticato tutto e così è nato Travolti da un insolito destino con la moglie e Adriano Giannini, nei ruoli che furono del padre e di Monica Vitti, nel 1974. Certo Gerard Butler, dopo averlo visto in 300, va rivisto ovunque...

Houdini - L'ultimo mago
di Gillian Armstrong, con Guy Pearce, Catherine Zeta-Jones
La storia di Houdinì. E che fine aveva fatto Guy Pearce? Quello di Memento, per la cronaca.

buone visioni e scusate il ritardo.
Robiciattola

Nessun commento:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...